Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Primavera

Guidi: “Vincere queste partite è sinonimo di grande maturità”

L’intervista dopo la vittoria sul Lecce firmata Cassano

Federico Guidi, allenatore della Primavera giallorossa, ha parlato ai canali ufficiali del club al termine del match vinto contro il Lecce per 1-0. Di seguito le sue parole:

Oggi la Roma ha vinto anche con cinismo. 

“Sono estremamente soddisfatto, veramente. Si viene da una settimana piena di emozioni. A iniziare dall’esordio di Faticanti in prima squadra. Poi, oggi siamo riusciti a battere un avversario esperto, di qualità come il Lecce. Con tanto cuore, spirito di sacrificio, umiltà. Significa che i ragazzi hanno valori importanti dentro, li mettono in campo per coltivare il loro sogno, arrivare nel calcio dei grandi. E saper vincere questo tipo di partite, che è sinonimo di grande maturità. Oggi c’è grande soddisfazione”.

Ci vuole anche pragmatismo, insomma, per essere una grande squadra. 

“Nel calcio è impensabile essere sempre al massimo, riuscire sempre a dominare, a non soffrire mai, a dominare tantissimo. Oggi le cose ci venivano meno. E quando la partita si incanalava verso la sofferenza, siamo riusciti a difenderci da squadra”.

Oggi abbiamo visto un cambio tattico, la difesa a tre. Solo per questo tipo di partita o è una cosa che vedremo anche più in là? 

“Ci stiamo lavorando in allenamento. Anche perché io ho la responsabilità di avvicinarli alla prima squadra, quindi devo mettere in campo dei principi che li avvicinino quando vanno su con il mister, che riescano a calarsi con un sistema differente. E poi, loro a giugno dovranno essere pronti, devono saper fare tante cose, su questo lavoriamo. Loro dimostrano di essere recettivi. Oggi è stato un cambio tattico, per quello che serviva in questa partita. Il fatto di averlo impiegato in una partita importante come questa, avendo raggiunto il risultato, è sinonimo che i ragazzi durante la settimana sono applicati, riuscendo a farlo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Primavera