Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Le pagelle di Siamo la Roma

PAGELLE – Roma-Ludogorets 3-1: Lorenzo e Nicolò, l’Europa (League) è ancora nostra

La Roma batte il Ludogorets e vola ai playoff di Europa League

RUI PATRICIO 6

Il tiro di Rick è forte e angolato, lui ci prova ma non ci arriva.

SMALLING  6

Thiago non è un cliente facile, ma lui, come sempre, se la cava egregiamente nei duelli.

IBANEZ  6,5

La solita grinta, la fame di lottare su ogni pallone. E quella malizia sportiva che fa prima innervosire Rick e poi, sbracciando, prendendosi un ceffone, fa annullare il gol del Ludogorets.

VINA  6,5

Battaglia con Cauly e Rick in feroci corpo a corpo, spesso veste i panni del regista decentrato.

KARSDORP  5,5

Poca qualità nei cross, nonostante diverse occasioni a sua disposizione.

MATIC 6

Tra i più positivi, sempre lucido nel gestire il pallone e va anche al tiro in più di un’occasione.

PELLEGRINI  7,5

Sul primo incrocia, sul secondo angola bene: due rigori perfetti. Capitano.

CAMARA  6

Non la solita esplosività nelle gambe, dà il suo contributo in fase di contenimento.

EL SHAARAWY 6

Ronza sull’out di destra della difesa bulgara come una fastidiosa zanzara, ma quando ti aspetti punga, poi non lo fa.

ABRAHAM  6-

Arriverà il momento in cui sfonderà le porte, abbattendo avversari e portieri. Non era stasera.

BELOTTI 5

Lento, impacciato, prevedibile e sciupone. Irriconoscibile.

CRISTANTE  6

Ingresso di sostanza, nonostante qualche sbavatura.

VOLPATO 6,5

Il fuoco vivo, ogni tocco un’idea che può trasformarsi in oro. Giocate e strappi generosi. Un giallo e una sostituzione, nonostante l’ingresso nell’intervallo, metabolizzata con la testa del grande. Bravo Cristian.

Zaniolo

ZANIOLO 8

Si prende due rigori, sfiora il gol e poi lo fa saltando gli avversari come birilli. Segna e va sotto la Curva Sud. Fosse sempre così, Nico, lo Scudetto non sarebbe un sogno.

ZALEWSKI  6

Finale di intensità e qualità.

BOVE SV

Entra nel finale.

MOURINHO  6,5

Sarebbe bello poter ascoltare il suo discorso nell’intervallo. La Roma torna in campo con una testa diversa, fa 3 gol e va ai playoff di Europa League. Mentalità Special.

 

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamo la Roma