Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho: “Fragilità emotiva, facciamo autocritica”

L’analisi di Mourinho dopo il pareggio con il Torino

Sei secondi che spiegano sei mesi. Quelli che si è voluto prendere Mourinho in conferenza stampa quando gli è stato chiesto dove fosse finita la Roma dello scorso anno. Quella senza la stella polare Dybala, quella bella e vincente di Tirana. Silenzio assordante di chi sa e non vuole dire.

Almeno non chiaramente, perché i riferimenti alla poca personalità della rosa iniziano a diventare molti: “È arrivato il momento per alcuni di fare una riflessione, di fare autocritica. ll problema non è sbagliare ma quando puoi dare più di quello che dai e invece non lo dai. Parlo di questa fragilità mentale, emozionale, psicologica, che a volte è una fragilità intrinseca, altre volte perché il calcio non è la cosa fondamentale nella tua vita”.

Un Mourinho costretto a fare lo psicologo, pur scansando con sdegno questa sua funzione motivazionale. Prima analizzando il rigore: “Non doveva tirarlo Belotti, ma almeno ha avuto il coraggio di farlo“. Poi riferendosi ad Abraham: “Credo che quando sei un giocatore professionista non serva una fonte esterna a te stesso per darti fiducia. Nessuno psicologo, nessun allenatore fa cambiare la mentalità di un giocatore. Sei un uomo, sei tu che devi trovarla. Dando tutto ogni giorno, in ogni allenamento e in ogni partita. Non credo servano motivazioni per prendere lo stipendio a fine mese“.

Sull’espulsione il portoghese taglia corto: “È giusta, le parole che ho detto all’arbitro meritavano il rosso. Mi sono scusato, ma non voglio parlare del suo operato“. Così come è sintetica e semplice l’analisi della gara: “Oggi ci sono due partite: una fino al 70′ e una dopo. In venti minuti abbiamo creato più di quello che abbiamo fatto nelle ultime quattro o cinque partite. E il perché è facile, quando un giocatore come Dybala non gioca è tutto molto diverso per noi“. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa