Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Juve avanti per Karsdorp. Ma la Roma dice no al prestito

Karsdorp

I bianconeri insistono per l’olandese

Occhio al fattore K per mettere le ali alla Signora. Dopo Filip Kostic, la Juventus potrebbe raddoppiare portando a Torino un altro laterale di grande corsa per garantire a Massimiliano Allegri un’alternativa a Cuadrado. Così i bianconeri potrebbero approfittare della rottura tra la Roma e Rick Karsdorp. La partita a scacchi è appena cominciata: la Juventus non ha fretta e attende le prossime mosse dei giallorossi per capire se potrà trattare direttamente con il suo procuratore o dovrà muoversi con il club. Una cosa è certa: il mercato di gennaio sarà low cost, non s’illudano i tifosi. La dirigenza punta a tamponare l’emergenza con operazioni intelligenti.

I giallorossi sperano in qualche offerta dall’estero, ma se non arrivasse dovrebbero accontentarsi di darlo in Italia: il club dei Friedkin, comunque, vuole solo cedere l’olandese, direttamente o con un prestito con obbligo non condizionato. La Juventus, invece, punta a un prestito con diritto di riscatto. I dubbi di Allegri su Karsdorp però riguardano il carattere e le ambizioni del ragazzo, perché il giocatore che arriverà a gennaio per rinforzare la corsia di destra dovrà essere consapevole di essere un’alternativa.  Agli agenti del ragazzo non dispiacerebbe la risoluzione consensuale del rapporto, che permetterebbe di andare a trattare in modo indipendente: in questo caso la Juventus potrebbe scritturarlo a zero senza bisogno di accordarsi con la Roma. Ma anche in questo caso il club di Trigoria al momento dice no. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa