Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Panchine rosse nei municipi: ecco l’iniziativa del progetto “Amami e basta”. Di Guglielmo: “Orgogliosa di farne parte”

Nella Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, proseguono le attività di “Amami e basta”.

Panchine rosse per sensibilizzare sul tema dell’eliminazione della violenza contro le donne. E’ partita l’iniziativa promossa dalla Roma con l’installazione di cinque panchine in quattro municipi. Ecco quanto si legge sul sito ufficiale del club a tal proposito:

La nuova tappa della campagna di sensibilizzazione, avviata dal Club due anni fa proprio in vista del 25 novembre, ha visto l’installazione di cinque panchine rosse in questi Municipi di Roma: il IV, il VI, il VII e il IX. Nei prossimi mesi, l’iniziativa proseguirà fino a coprire ogni Municipio della Capitale. 

La panchina rossa ha una forte valenza simbolica in questa giornata dedicata alle donne vittime di violenze e intimidazioni: ci ricorda la fondamentale importanza dell’ascolto e del dialogo.

All’installazione della panchina del IV Municipio, presso il parco Bergamini di Casal Bruciato, ha preso parte la calciatrice giallorossa Lucia Di Guglielmo.

“Sono orgogliosa di prendere parte a questa iniziativa così speciale e significativa”, ha dichiarato Di Guglielmo.

“Credo sia un’ottima opportunità per sensibilizzare su un tema sfortunatamente sempre più attuale, per lanciare un messaggio di vicinanza e soprattutto dare coraggio a tutte quelle donne che sono state o sono vittime di episodi di violenza”.

Alla tappa del VII municipio ha partecipato, inoltre, l’assessore alle Attività Produttive e Pari Opportunità, Monica Lucarelli: “Con l’AS Roma c’è sempre una completa sintonia e quando collaboriamo per un nuovo progetto c’è il massimo impegno. La panchina rossa è un modo per ricordare il fenomeno della violenza di genere, per mettersi in discussione e, come un evidenziatore sulla pagina di un libro, può fare da richiamo per spronare chi ne ha bisogno a farsi aiutare”.

All’iniziativa del Club hanno aderito le mogli e le compagne dei giocatori della Prima Squadra, rinnovando il proprio sostegno alla campagna di sensibilizzazione “Amami e Basta” , inaugurata nel 2020. 

All’installazione delle panchine hanno partecipato anche alcune parrocchie, scuole, i Roma Club, comitati di quartiere e una delegazione della comunità ebraica.

Inoltre, nella giornata di venerdì 25 novembre, il Club rappresentato dal Sustainabily & Community Relations Department Director, Francesco Pastorella, ha preso parte presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio ad una mattinata di confronto dedicata al ruolo delle imprese nel proporre iniziative a supporto dei percorsi di uscita dalla violenza.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News