Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Serturini: “Siamo una squadra che sa quello che vuole. Il livello si sta alzando”

Annamaria Serturini al termine di Roma-Pomigliano

Annamaria Serturini ha rilasciato alcune dichiarazioni in zona mista oggi dopo il successo per 2-0 contro il Pomigliano della Roma. La numero 15 è stata decisiva con il grande gol che ha aperto le marcature. Ecco le sue parole:

Ti vedremo più spesso calciare d’interno? Ci stai lavorando?
“Sono a disposizione del mister, a destra o a sinistra mi è indifferente. Mi alleno in entrambe le fasi, dove gioco cercherò di dare sempre il meglio”.

Hai trovato più continuità?
“Sicuramente qualcosa è cambiato, l’importante sono i tre punti. Sono contenta di aver segnato, ma l’importante è la vittoria. Il gol va in secondo piano”.

La squadra continua ad avere lucidità. 
“Siamo una squadra che sa quello che vuole, con idee di gioco e calciatrici forti. Abbiamo dimostrato anche oggi, seppur soffrendo, di saper rimanere in partita fino all’ultimo. Sono tre punti d’oro”.

Queste prestazioni quanto sono importanti per voi?
“Fondamentali perché arriviamo ad un momento intenso. Adesso inizierà un’altra competizione alla quale teniamo tanto, poi arriverà il Milan, il Wolfsburg e poi la Juventus. Abbiamo bisogno di tutte le calciatrici, siamo contente di aver vinto”.

Senti il gap tra le squadre che diminuisce e il livello del campionato che si alza?
“Sicuramente il livello si è alzato, anche le squadre più piccole stanno crescendo. Oggi ci è mancata forse un po’ di cattiveria, rispetto alle ultime partite, però l’abbiamo chiusa al meglio”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile