Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 30 novembre 1986: la Roma travolge la Juventus (3-0) all’Olimpico (VIDEO)

Gli uomini di Eriksson stravincono contro i bianconeri e agganciano il secondo posto in classifica. Decisive le reti di Berggreen, Desideri e Giannini

Il 30 novembre del 1986 la Roma batteva la Juventus con un sonoro 3-0 allo stadio Olimpico di Roma. I giallorossi devono ottenere la vittoria se vogliono raggiungere il treno delle seconde in classifica, formato da Como, Inter e Juve. La squadra di casa parte benissimo, mettendo subito in chiaro qual deve essere il filo conduttore del match: è la Roma che comanda il gioco. Nonostante tutto però la squadra di Eriksson concede qualche occasione di troppo, sopratutto in contropiede, ma la retroguardia è brava ad intervenire con il giusto tempismo. Al 39′ finalmente la partita si sblocca: splendido uno-due micidiale, Berggreen a tu per tu con Tacconi infila nell’angolino la rete dell’ 1-0. Passano solo un paio di minuti e il raddoppio è servito: dalla distanza Desideri lascia partire un siluro imprendibile per l’estremo difensore bianconero. 2-0 e partita virtualmente chiusa.

Nella ripresa la Roma soffre, dato che all’inizio del secondo tempo l’arbitro Pieri fischia il calcio di rigore a favore della Juve per fallo di Oddi su Laudrup. Dal dischetto si presenta Serena che spiazza Tancredi, ma spedisce la palla fuori. Gli ospiti non demordono e trovano addirittura il gol pochi minuti dopo con Manfredonia, annullato però per fallo su Berggreen. La Roma si risveglia e decide di mettere il timbro alla partita: al 76′ Giannini entra in area, salta due avversari e insacca con uno splendido tiro d’esterno la rete del 3-0. La Roma vince e convince, ora il Napoli è a sole due lunghezze di distanza.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord