Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

El Shaarawy deve convincere Mourinho

Il ‘Faraone’ deve invertire il trend se vuole restare un’altra stagione nella Capitale. Deve meritarsi il rinnovo

Qualche altro giorno di vacanza, poi di nuovo a Trigoria. E dove poteva trascorrere il tempo libero El Shaarawy se non nella sua Dubai. L’attaccante ama il sole e il mare degli Emirati Arabi, da anni si sposta nella famosa città per riposarsi, divertirsi ma anche lavorare sodo.

Perché il Faraone in ogni sua fuga a Dubai ha sempre continuato ad allenarsi in una delle migliori palestre del posto per non perdere il tono muscolare ma continuare a rimanere in forma. Stephan tra qualche giorno rientrerà nella capitale per cominciare a fare sul serio, riprendere la migliore condizione e sfruttare ogni sua opportunità per guadagnarsi un futuro nella Roma.

Certo, i romanisti si aspettavano qualcosa di più da lui in queste stagioni: 10 gol e 4 assist in 64 presenze, sei punti portati alla squadra tra campionato e coppe da quando è tornato. Qualche infortunio fisico di troppo e di certo un modulo che non lo ha avvantaggiato.

Mourinho lo ha impiegato esterno a tutta fascia, seconda punta e in coppia col centravanti, lui ha alternato prestazioni positive a momenti di difficoltà dovuti al ruolo e a una situazione generale dell’attacco non proprio esaltante.

Adesso deve invertire il suo trend se vuole rimanere a Roma ancora per una stagione. Tutto passa dalle sue prestazioni, poi dalla volontà della Roma. Perché il suo contratto prevede sì l’opzione per il rinnovo di un altro anno, ma diversamente dalla situazione di Smalling (che sarà lui a decidere se prolungare), nel suo caso sarà il club ad avere l’ultima parola. La Roma potrà infatti esercitare la clausola del rinnovo per un’altra stagione entro il primo giugno.

Si legge sul Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa