Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Juventus-Roma, Del Neri: “Nel 2005 la Juve vinse con due errori arbitrali”

Del Neri: “Totti il giocatore più completo che ho avuto. Nel 2005 torti arbitrali contro la Juventus”.

Luigi Del Neri, ex allenatore di Roma e Juventus, è stato uno dei protagonisti intervistati all’interno dell’AS Roma Match Program. Questo un estratto delle sue dichiarazioni: “Il mio periodo a Roma? Furono mesi di lavoro intenso e duro. Si doveva ricostruire dopo le cessioni di Emerson e Samuel. Qualche risultato arrivò, ma non fu abbastanza. L’ambiente di Roma è molto esigente, c’è un bisogno sfegatato di vincere. Quando non succede, viene meno la fiducia. Ma è normale che sia così. Con un pizzico di fortuna in più, magari… Particolari episodi? Beh, ad esempio meritavamo di ottenere un risultato diverso nella gara contro la Juventus dell’Olimpico. Avessimo preso punti quella serata, magari, la stagione avrebbe preso una piega diversa. Considerando che quella partita in particolare, in quella stagione con Capello in bianconero, era molto attesa dai tifosi per rivalsa. Juventus-Roma del 5 marzo 2005? Esattamente. Ci fu una vera e propria bagarre in quella partita. Andò così, con un gol assegnato in fuorigioco e un rigore concesso per un fallo fuori area. Col Var sarebbe stata diversa, probabilmente…. La gestione dello spogliatoio problematica? Non direi. Lo spogliatoio andava ricostruito considerando gli addii che c’erano stati, con uomini di forte personalità come Emerson e Samuel. È normale che ci siano stati momenti di fermento, d’altronde le rivoluzioni possono portare a questo. Però quell’esperienza fu molta preziosa successivamente per me. Totti? E’ il calciatore più completo che ho avuto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News