Resta in contatto

Rassegna Stampa

GaSport, “Roma, hai un tesoro. Ci sono oltre 100 milioni per sedurre Higuain & Co.”

Al momento il Pipita fa muro non tanto ai giallorossi, bensì all’idea di andare via senza buonuscita dal club bianconero

La rivoluzione in casa Roma non è terminata, anche perché sta portando in dote un tesoretto destinato alle operazioni. Fare i conti sulle cessioni, comunque, non è affatto semplice, anche perché si tratta di operazioni spalmate su due esercizi di bilancio differenti.

In ogni caso, se ai 36 milioni incamerati per la clausola di rescissione di Manolas, aggiungiamo i circa 18 in arrivo per El Shaarawy (bonus compresi) e i 22 di LucaPellegrini, arriviamo già alla bella somma di 76 milioni. Ma non basta, perché – oltre i circa 7 giunti da trasferimenti minori – in prospettiva potremmo supporre che ne arrivino presto un’altra ventina per il trasferimento di Dzeko all’Inter, sfondando così senza problemi quota cento. E potremmo anche non fermarci qui se considerassimo le probabili uscite di Nzonzi, Defrel e Olsen e i risparmi d’ingaggio che tutti questi potrebbero portare.

Ad esempio, con Dzeko in partenza, Paulo Fonseca, arrivato ieri a Roma, sarebbe ben contento di accogliere Gonzalo Higuain, ma l’argentino per il momento fa muro non tanto alla Roma, bensì all’idea di andare via senza buonuscita dalla Juve. Se le parti si ammorbidiranno (possibile), i 36 milioni che la Juve vuole mettere a bilancio – 9 per il prestito e 27 per il riscatto – potrebbero arrivare. A meno che il club bianconero non decida di rompere gli indugi su Zaniolo e pagare i 50 milioni chiesti dalla Roma.

Ma con la partenza di El Shaarawy, c’è anche l’attacco da completare. Piace da tempo Brahimi del Porto, mentre spunta anche il nome di Fabio Borini. Meno forte, al momento, sembra essere la pista che porta a Taison dello Shakhtar.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa