Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sette panche rock

Gli allenatori delle squadre di vertice sono senza margini di manovra: devono vincere

E’ come se il passato non contasse più, come se gli esami non finissero mai. Ed ecco che Maurizio Sarri (Juventus), Carlo Ancelotti (Napoli), Antonio Conte (Inter), Gian Piero Gasperini (Atalanta), Paulo Fonseca (Roma), Simone Inzaghi (Lazio), Marco Giampaolo (Milan), al via della stagione, tutti hanno un solo obiettivo, senza scuse, senza attenuanti: vincere.

Per vincere, sia chiaro, non si intende (solo) lo scudetto. Vincere è piazzarsi, vincere è fare meglio di prima, spostare avanti un compito, inseguire un dovere. Ce lo vedete Giampaolo non arrivare quarto con il Milan? O Sarri non vincere a Torino? E questo vale per Inzaghi e lo stesso Paulo Fonseca. Lo scrive oggi Il Messaggero.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa