Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Edicola

L’Edicola, Fonseca attende rinforzi: duello Lovren-Rugani per un posto in difesa. In attacco arriva Kalinic

Tutta la rassegna stampa in un click

IL CORRIERE DELLO SPORTNon ci sono più le nottate trascorse sul marciapiede per assicurarsi il biglietto, la caccia al biglietto, lo stadio traboccante. Poco prima della partita col Genoa è terminata infatti la prelazione per gli abbonati della Roma. Sono stati prenotati 8000 biglietti. Per quanto riguarda gli abbonamenti invece sono saliti a 21mila, come nel 17-18 ma di meno rispetto al 18-19. Lo riporta Il Corriere dello Sport.

Fonseca avrebbe bisogno di una coppia di centrali nuova di zecca, ma potrà al massimo inserire Mancini al posto di Jesus. Altri cambi in vista della stracittadina potrebbero riguardare Zappacosta a destra e Diawara a centrocampo, per fare meglio da filtro col reparto difensivo.

Non è stato completamente negativo il debutto italiano di Paulo Fonseca. Soprattutto nella prima parte di gara, la qualità della manovra e qualche schema da calcio piazzato hanno dimostrato un’identità di gioco offensivo molto chiara.

Sfumato definitivamente Nkolou, con comunicato ufficiale del club giallorosso, si continua a valutare RuganiParatici chiede almeno 30 milioni e non vuole spendere la cifra di 10 milioni richiesti per la contropartita tecnica di Riccardi.

I capitolini tengono aperta la pista Lovren, relegato ai margini da Klopp, che però vuole un ingaggio molto elevato e un contratto di quattro anni.

Movimenti anche per il reparto offensivo: con Schick pronto alla partenza direzione Lipsia è praticamente ai dettagli l’operazione Kalinic. Il Corriere dello Sport. 

LA GAZZETTA DELLO SPORTEntusiasma davanti e fa venire i brividi dietro. La sfida col Genoa ha parlato chiaro. Gli schemi offensivi funzionano, Dzeko e Under ci danzano dentro a meraviglia. Piovono le occasioni e i gol. Ma in difesa a ogni assalto sono brividi.

Il Boca Juniors mantiene la testa della classifica del campionato argentino, Daniele De Rossi protagonista, ma stavolta per un episodio particolare: nel tentativo di recuperare palla, si è prodotto in un tackle acrobatico che ha finito per stendere il suo compagno di squadra e capitano Goltz, colpito al ventre.

Alle 19.300 tessere già dei tifosi laziali, vanno aggiunti i circa 6000 tagliandi staccati sponda biancoceleste e i circa 5000, invece, già dei tifosi della Roma per il derby di domenica prossima.

Tornerà a giocare contro la sua ex squadra: Kolarov non si fece problemi ad esultare per il gol segnato alla Lazio a fine settembre della scorsa stagione.

Lesione miotendinea al retto femorale sinistro per Perotti, infortunio che lo terrà ai box per le prime 10 o 11 partite: e allora la Roma deve guardarsi intorno per un sostituto dell’argentino, visto anche l’addio di El Shaarawy.

IL CORRIERE DELLA SERANicolas Nkoulou si è allenato con i compagni del Torino, ma molto probabilmente non partirà per Wolverhampton. Dovrebbe chiederlo lui, scusandosi prima per gli errori dell’andata e per il forfait con il Sassuolo. Nella testa del giocatore c’è la tentazione di andare in una grande squadra, ma per il presidente Cairo rimane incedibile: “Per noi nessuno si muove, i contratti vanno rispettati e lui è legato al Toro per altre due stagioni. Se il giocatore fosse stato contattato senza passare per la società, dovrebbero pagarmi una penale di 900.000 euro“. Così la Roma si è affrettata a diramare un inusuale comunicato: mai parlato con Nkoulou, il giocatore non interessa.

Paulo Fonseca ha ripetuto il concetto della Roma “dominatrice” dopo il 3-3 con il Genoa: “Non preparerò mai una partita concentrandomi solo sulla fase difensiva. Voglio una squadra che domini e giochi sempre la palla“. Nonostante ciò è probabile che il tecnico cambi qualcosa con la Lazio. Ad esempio Zappacosta in difesa con Florenzi esterno d’attaco al posto di Kluivert. Da verificare inoltre le condizioni di Zaniolo. Qualora non dovesse farcela, potrebbe essere alzato Pellegrini sulla trequarti, affiancando a Cristante in mediana un incontrista come Veretout o Diawara. Una Roma più equilibrata.

Per la difesa depennato il nome di Nkoulou e Jerome Boateng, offerto dal Bayern Monaco, Ripresi i contatti con la Juventus per Rugani. Per il ruolo di vice Dzeko è pronto Kalinic. Si lavora in uscita per concludere gli affari Schick (verso il Lipsia) e Defrel su cui torna forte il Cagliari. Lo Scrive Il Corriere della Sera.

IL TEMPO – E’ questo l’esito degli esami strumentali a cui si è sottoposto Diego Perotti a seguito dell’infortunio rimediato nella rifinitura di sabato scorso. La Roma lo dovrà attendere 45-60 giorni, per l’argentino è l’ennesimo stop in carriera. Solo 811 i minuti giocati da Perotti nella scorsa stagione. E’ il 29° stop dal suo arrivo.

Lo aveva detto Fonseca, lo ha evidenziato nettamente il campo. Dopo l’infortunio di Perotti inoltre è sorta un’altra emergenza, legata all’esterno d’attacco. Cresce l’ipotesi Taison dello Shakhtar, che però non rientra nei parametri imposti da Pallotta sia per età che per costi, gli ucraini chiedono infatti 25 milioni. La Roma intanto valuta altre piste, come quella di Boga del Sassuolo. Per quanto riguarda il centrale resta Rugani l’ipotesi più probabile.

LA REPUBBLICA -Come riporta La Repubblica, le difficoltà difensive della Roma e l’infortunio di Perotti spingono urgentemente Petrachi sul mercato. Petrachi è tornato a trattare con la Juventus per Rugani chiudendo la porta al Torino per Nkoulou.

IL MESSAGGERO – Nelle ultime ore a Trigoria hanno riattivato i rapporti per Rugani, bloccato Kalinic e ricontattato Taison, esterno offensivo brasiliano che Fonseca.

Sara Seccia, vicepresidente reggente dell’Assemblea Capitolina, ha rilasciato un’intervista a Il Messaggero, nella quale ha parlato anche dello Stadio della Roma. Queste le sue parole.

Diego Perotti aveva cominciato il nuovo anno calcistico con le migliori delle intenzioni, ma l’infortunio accusato si è rivelato più grave del previsto.

Se non è pronta per il Genoa, figuriamoci per la Lazio. È ancora incompleta e soprattutto impreparata a fine estate e (quasi) a fine mercato. Va corretta in fretta da Petrachi: la priorità è in campo, non in panchina.

Il problema non è Fonseca ma gli interpreti. La rosa va completata urgentemente sul mercato ed è compito di Gianluca Petrachi.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Edicola