Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rugani in discesa, Lovren risale. Schick-Kalinic, oggi il cambio?

Difficoltà per il centrale bianconero, si torna sul croato del Liverpool

Rugani in ribasso, Lovren in netta risalita, anche se con un costo maggiore rispetto a dieci giorni fa. Ieri mattina Paratici era nella Capitale e si è visto con la Roma per capire se potesse andare in porto la trattativa per Rugani. La questione però si è arenata quasi subito, quando i giallorossi hanno offerto alla Juventus un diritto di riscatto e non più l’obbligo. Paratici ha provato a rilanciare l’obbligo contestualmente al prestito secco di Mandzukic e Emre Can, con ingaggi a carico della Roma, un’offerta che però non è stata presa in considerazione.

Nel frattempo la Roma ha riallacciato i contatti con il Liverpool per Lovren, che rispetto all’accordo precedente (3 milioni il prestito e 12 il riscatto), ha alzato la posta a 20 milioni. In Inghilterra sanno benissimo che la Roma ha assoluta necessità di prendere un difensore centrale e allora hanno alzato il prezzo. Petrachi lavorerà per tornare ai 15 milioni ma gli ulteriori ritardi hanno cambiato le carte in tavola.

Nel frattempo ieri la Roma ha incontrato l’agente di Patrik Schick, destinato a sbarcare in Germania al Lipsia. Non si è ancora arrivati alla fumata bianca, ma se ne riparlerà oggi. I giallorossi stanno provando a cedere il giocatore a titolo definitivo, mentre i tedeschi preferirebbero il prestito con diritto di riscatto. Kalinic è in attesa di un segnale per sbarcare alla Roma, un’operazione da 7-8 milioni totali, tra prestito ed eventuale riscatto. Defrel invece balla tra Sampdoria e Cagliari. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa