Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Proietti: “Ho ricominciato a soffrire come tutti gli anni. Razzismo? Brava la Roma”

L’attore romano e romanista: “Ci sarà sempre la possibilità di emozionarci, anche per il tipo di sport”

Gigi Proietti, attore romano e della Roma, parla della squadra giallorossa e del tema razzismo, in questi giorni in primo piano a Trigoria. Queste le sue parole a Rete Sport:

Oggi è il compleanno di Francesco Totti
Gli do un abbraccio fortissimo. Siamo tutti amici di Francesco, e non possiamo che dirgli grazie infinite.

A chi darebbe uno schiaffone educativo?
Non c’è che l’imbarazzo della scelta, perché quello che abbiamo visto contro l’Atalanta dipende anche dagli uomini. Ho ricominciato a soffrire come tutti gli anni, vorrei avere un po’ di respiro per qualche altra giornata (ride, ndr). Ci fosse una squadra minore, sono tutte maggiori! Non vedo tanto brillare altre grandi squadra, ma l’Atalanta mette paura. Mi dispiace, ma ci credo ancora.

Riesce ancora ad essere romantico quando guarda la Roma?
Precedentemente le emozioni di Totti, ce ne erano altre con altri grandi campioni. Ci sarà sempre la possibilità di emozionarci, anche per il tipo di sport. Primo o poi un campione rinascerà. Voglio essere positivo e ottimista.

La denuncia al tifoso che ha insultato Jesus?
Spero si ripeta e che non resti solo un segnale. Non è possibile, siamo pazzi? Che lo sport ci insegni questo. Ci sono altri sport che richiamano fette importanti di pubblico, ma solo nel calcio c’è il razzismo. È una cosa vergognosa, anche perché le persone non sanno perché insultano in questo modo. Significa che sono persone manovrabili.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News