Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Fazio: “Siamo più compatti ed equilibrati, la cosa importante è vincere” (VIDEO)

“Voglio pensare partita dopo partita”


Federico Fazio ha preso posto al fianco di mister Paulo Fonseca, queste le dichiarazioni del difensore centrale alla vigilia del match con il Wolfsberger:

Noi italiani di solito snobbiamo l’Europa League, sembra che esista solo la Champions. Tu l’hai giocata e anche vinta, anche per te adesso scendere all’EL è un passo in meno? E giocare di giovedì da fastidio al campionato?
No, pure in Inghilterra era un po’ così per l’Europa League, ma noi non la sottovalutiamo perché vogliamo vincerla. È una bella competizione che ti da l’accesso alla Champions League, ci sono belle squadre e dobbiamo vincere partita per partita.

Da quando sei arrivato a Roma hai avuto quasi sempre allenatori che praticano un calcio offensivo. Cosa ha portato Fonseca in queste settimane per rendervi più sicuri in difesa?
A me è sempre piaciuto giocare un calcio offensivo. Siamo una squadra più compatta che sta creando un’identità, vogliamo vincere ogni partita e ogni competizione e per questo è importante pensare partita per partita e vincere domani.

Hai giocato tanti anni con Manolas, come cambia il modo di giocare con i nuovi arrivati Smalling e Mancini? Cambia il modo di stare in campo con l’uno o con l’altro e rispetto a prima?
Giochiamo come squadra, non cambia se giochiamo con uno o un altro compagno. Dobbiamo difendere e attaccare, tutti gli 11 che sono in campo e per questo non cambia a seconda di chi ho accanto.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra