Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

L’ufficio Urbanistica: «Stadio, cubature sbagliate, i privati paghino di più»

La due diligence si è conclusa e i risultati sono stati spediti agli uffici della Raggi

L’ultima tegola sul progetto di Tor di Valle sarebbe sul calcolo delle cubature che avrebbe avvantaggiato i privati. Ad accorgersi della fallo è il Dipartimento Urbanistica che da giugno 2018 indaga su tutte le carte dell’operazione.

La due diligence si è conclusa e i risultati sono stati spediti agli uffici della Raggi. Il rapporto dice che il progetto può andare avanti ma solo a certe condizioni.

Dopo la revisione voluta dal M5S nel 2017 ai proponenti sarebbero concessi 212mila metri quadri di “superficie utile lorda” e questa cifra scavalla ampiamente i limiti del Piano regolatore di circa 100mila. In cambio di questo extra i privati si impegnerebbero a realizzare alcune opere pubbliche considerate largamente inadeguate a reggere l’impatto del traffico, così hanno detto gli ingegneri del Politecnico di Torino.

Gli esperti dell’Urbanistica hanno notato che i conti sulle volumetrie non tornano e non sarebbe stato considerato che una fetta importante ricadrebbe su terreni espropriati dal Comune (circa 39mila metri quadri) e non su aree dei proponenti.

Questa differenza va messa in conto ai privati e non vale poco, quasi 20 milioni di euro. La palla passa ai privati che dovranno decidere se accettare il nuovo valore attribuito alle cubature o no. Lo riporta Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa