Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Conte: “Mirante il migliore in campo. Non abbiamo rischiato nulla contro un’ottima squadra”

Le parole del tecnico nerazzurro

Antonio Conte, tecnico dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo il pari con la Roma:

Rammarico perché avete creato tanto? Cosa è mancato? Avete sofferto il loro possesso.
“Sì, quando parlate di possesso palla, alla fine vai a vedere la partita e vedi che Mirante è il migliore in campo. Non penso che oggi abbiamo rischiato contro un’ottima squadra come la Roma. Un grande merito va ai ragazzi perché pensano che abbiano dato tutto. Sono partite dove devi fare gol. Abbiamo indotto la Roma all’errore. Potevamo essere molto più cattivi sotto rete e avremmo portato a casa i tre punti ma niente da rimproverare ai calciatori perché hanno dato tutto”.

Come sta Candreva?
“Non lo so sinceramente, adesso è l’ultimo pensiero. Pensiamo alla partita, pensiamo a riposare. Non mi va di parlare di giocatori infortunati o no. Ci aspetta la partita con il Barcellona, chi scenderà in campo darà l’anima”.

Invidia le alternative della Roma?
“Come ho detto in conferenza, dobbiamo cercare di arrivare fino alla sosta di Natale. Sappiamo le difficoltà che abbiamo ma sono orgoglioso perché questi ragazzi rispondono in maniera importante. Il pubblico ci deve sostenere come ha fatto oggi e ci deve aiutare perché è un momento in cui tutti dobbiamo fare necessità e virtù. Oggi mi è dispiaciuto sentire dei fischi su stop sbagliati di alcuni giocatori, questa cosa non aiuta l’Inter. Devono capire che ci devono supportare e non devono al primo errore criticare. Non è facile giocare a San Siro, c’è bisogno dell’aiuto di tutti. Non bisogna diventare presuntuosi”.

Fate un allenamento specifico per recuperare palla alti?
“Ci sono aspetti positivi e negativi. Quando vai a fare una pressione alta la possibilità di andare a tirare è immediata ma comunque è dispendioso e se saltano la prima pressione il campo alle spalle si spalanca. Bisogna essere attenti a farlo e penso che oggi i ragazzi lo abbiano fatti. Loro sono stati molto bravi a palleggiare. Questa è una cosa che facciamo o alterniamo. C’è stata una prestazione superlativa di Mirante, penso sia stato lui il migliore in campo. Quando vinciamo o pareggiamo o perdiamo lo facciamo tutti insieme. I nostri attaccanti hanno avuto occasione di fare gol. Nel secondo tempo c’è stata un’entrata di Vecino che Mirante ha deviato in angolo e quella era su un’azione e non su una palla rubata. Siamo contenti di quello che abbiamo prodotto ma purtroppo non abbiamo finalizzato. Queste sono partite che quando ti capita l’occasione devi fare gol”.

Nel secondo tempo avete avuto più coraggio nell’accorciare in avanti.
“Però è dispendioso. E’ faticoso andare lì e difendere con 50 metri di campo. Non è questione di coraggio o non coraggio ma di che dose di follia e benzina hai. Stiamo giocando continuamente, è un momento di difficoltà. Ci proveremo”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News