Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

Roma-Torino con i numeri di AS Roma Data: arbitraggio fantasioso e imprecisione davanti (FOTO/TWEET)

Giallorossi che creano ma non concretizzano. Alla scarsa precisione si aggiunge un Di Bello gravemente insufficiente

La Roma inizia male il suo 2020. I giallorossi perdono in casa contro il Torino con il punteggio di 2-0. Decide una doppietta di Belotti, il secondo gol su calcio di rigore. Squadra di Fonseca che crea tanto ma non concretizza. Prestazione decisamente insufficiente per l’arbitro Di Bello.

I numeri della gara

Il Torino chiude la prima frazione in vantaggio grazie al gol di Belotti oltre il 46′. Nei primi 45 minuti i giallorossi chiudono con il 55% di possesso palla, contro il 45% del Torino, e con 10 tiri (4 nello specchio) contro i 7 dei granata (3 nello specchio). 220 passaggi completati dagli uomini di Fonseca (81% di precisione), 186 da quelli di Mazzarri (76% di precisione). Meglio il Torino nelle occasioni da gol: 1,01 xG prodotti contro gli 0,41 della Roma.

Nella seconda frazione il punteggio non migliora, anzi il Torino raddoppia nel finale ancora con Belotti su rigore. La Roma chiude la sua gara con ben 31 tiri (7 nello specchio), mentre il Toro con 12 (6 nello specchio). 59% di possesso palla per i padroni di casa, 41% per gli ospiti. 441 passaggi completati dalla Roma (82% di precisione), 330 dal Torino (74% di precisione). Giallorossi che creano tanto (2,47 xG), ma che non concretizzano. Lo fa invece la squadra di Mazzarri che sfrutta i suoi 1,93 xG prodotti per portare a casa i 3 punti.

La direzione di gara di Di Bello

Gravemente insufficiente l’arbitro Di Bello. A certificarne l’assoluta inadeguatezza i cartellini estratti per falli commessi: 11 falli fatti dalla Roma, che ha ricevuto 5 ammonizioni. Addirittura 23 quelli del Torino, ma solo 2 i cartellini gialli per i granata.

Il cambio di marcia nel secondo tempo che però non è servito

Nella seconda frazione la Roma cambia marcia, ma non serve. Anche a causa dell’imprecisione dell’attacco, a partire dalle prestazioni di Dzeko e Pellegrini. Nei secondi 45 minuti la Roma crea 2,06 xG, tirando verso Sirigu per ben 21 volte, ma centrando lo specchio solamente in 3 occasioni. I giallorossi non sono riusciti a trovare la via del gol, l’imprecisione dei suoi attaccanti è costata cara a Fonseca.

Tutti i tiri dei giallorossi

A dimostrazione della supremazia della Roma, ecco tutti i tiri effettuati dai giallorossi: Pellegrini 8 (2 in porta, 4 fuori, 2 bloccati), Kolarov 5 (1 in porta, 3 fuori, 1 bloccato), Dzeko 5 (1 in porta, 3 fuori, 1 bloccato), Mkhitaryan 3 (1 in porta, 1 fuori, 1 bloccato), Veretout 2 (2 fuori), Kalinic 2 (2 fuori), Florenzi 2 (1 in porta, 1 fuori), Zaniolo 1 (1 in porta), Smalling 1 (1 fuori), Perotti 1 (1 fuori).

I singoli

LORENZO PELLEGRINI

Non decolla la prestazione del numero 7 giallorosso. Nonostante dei numeri importanti (8 tiri, 7 occasioni create, 86 palloni toccati, 6 cross, 3 falli subiti), nella partita con il Torino è saltata fuori tutta la sua poca incisività negli ultimi metri: 4 tiri fuori, 2 bloccati, 2 dribbling su 3 non riusciti e solamente 0,16 xA (expected assist) creati.

DIEGO PEROTTI

Buona invece la prestazione del “Monito“: l’argentino mette a segno 4 dribbling su 5 tentati, crea 4 occasioni (con 0,63 xA), completa 3 lanci lunghi su 3 tentati e, con il 93% di passaggi riusciti, è stato il calciatore della Roma più pericoloso in rifinitura.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti