Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko: “Se non facciamo pressing non facciamo gol. Contro la Juve c’è Kalinic”

Le parole dell’attaccante giallorosso

Edin Dzeko, attaccante della Roma, ha parlato al termine di Genoa-Roma.

DZEKO A SKY SPORT

Bel gol ma anche bel pressing…
“Il mister ci chiede di pressare sempre alti. Il gol è arrivato da un loro errore ma se non facciamo pressing non facciamo gol”.

La Roma è calata prima del tuo gol…
“Il terzo gol l’ha chiusa ma penso che in generale abbiamo fatto una grande partita. Nel primo tempo abbiamo sbagliato sulla palla lunga dove abbiamo preso gol. Abbiamo anche sofferto un po’ ma penso che ci stia”.

Quanto è importante questa vittoria?
“Sicuramente sarebbe meglio avere tutti a disposizione però tutti oggi, quelli che magari non hanno giocato di più, hanno fatto una partita importante. Abbiamo bisogno di tutti. Io non ci sono mercoledì ma c’è Kalinic che ha fatto una buona partita a Parma. Speriamo di andare in semifinale”.

Voi giocatori vi aspettate qualche rinforzo sul mercato?
“Se arrivano giocatori forti fanno bene alla squadra e noi siamo contenti. Noi dobbiamo giocare. Se non c’è uno, un altro deve essere pronto”.

Cosa vuoi dire a Immobile?
“Tra noi due non sarà derby. Tanti complimenti a lui che ha fatto tanti gol. Speriamo che non lo faccia domenica, poi può ricominciare non c’è problema. Oggi era importante per arrivare alla Juventus e al derby con un po’ più di fiducia”.

DZEKO A ROMA TV

Quando non ci sei si sente. Senti questa responsabilità?
“La sento sempre, da un attaccante ci si aspettano i gol. Ho avuto tante critiche in carriera, non ci penso. Penso a dare tutto per la squadra, poi se segno di più sono contento”.

Vittoria fondamentale…
“Sicuramente, anche perché le ultime due in campionato le abbiamo regalate noi. Oggi ci siamo trovati pronti tutti, come Spinazzola che ha fatto una grande partita dopo una settimana così, è importante perché è un giocatore importantissimo per noi. Questa vittoria ci dà tanta fiducia. Mercoledì non ci sono io ma ci sono tanti ragazzi che spero ci porteranno in finale”.

Andrai con la squadra a Torino?
“Ne devo parlare con il mister, vediamo”.

Mercoledì riposati, pronto per domenica che ti porto la corona…
“Oggi ho fatto un bel passo, speriamo di prendere presto questa corona insieme”.

L’esultanza di rabbia o di gioia?
“Molto contento, anche perché si è visto che abbiamo sofferto di più nel secondo tempo dove Pau Lopez è stato bravissimo e sapevo che il terzo gol avrebbe chiuso la partita, come è successo”.

Un recupero nel primo tempo e anche il pressing, un attaccante che fa questo è un bel vantaggio…
“Menomale che c’è qualcuno che vede anche queste cose. Dobbiamo difendere tutti, solo così possiamo fare grandi cose”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra