Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Brighi: “Questa Roma ha giovani importanti e di prospettiva. Manca il De Rossi dello scorso anno”

Le parole dell’ex giallorosso

Matteo Brighi, ex centrocampista della Roma, è stato intervistato da Sky Sport per parlare della situazione attuale della squadra, comparata al suo periodo con la maglia giallorossa. Queste le sue parole:

Cosa ne pensi delle dichiarazioni di Fonseca?
“Non fa mai piacere sentire queste parole. Però onestamente va riconosciuto che attualmente i giocatori della Juventus hanno qualcosa in più. Magari a caldo è stata detta una cosa un po’ riduttiva, perché non si può ricondurre tutto alla qualità”.

Credi che alla squadra manchi un giocatore come te?
“Forse al momento alla Roma manca un giocatore di rendimento continuo e credo che potrebbe farlo Cristante. Credo si possa puntare su di lui. Non sarà facile sostituire Diawara a proposito di centrocampo. La squadra ha gli uomini per uscire da questo momento di difficoltà”.

Che ricordo hai della tua Roma?
“Abbiamo trovato un’Inter che vinceva su tutti i fronti, anche se noi abbiamo dato il massimo”.

Secondo te non manca un leader in questa squadra?
“Noi avevamo, oltre a Totti e De Rossi, anche uno come Panucci, che si faceva sentire. Questa Roma ha giovani importanti e di prospettiva. Forse manca un po’ il De Rossi dello scorso anno, che teneva insieme un po’ tutto”.

Come si vive da giocatore un passaggio di proprietà?
“Di solito si pensa al campo, ma l’ambiente in questi casi è un gran frullatore tra radio, giornali e altro. Secondo me la società negli ultimi anni è diventata diversa rispetto a quella dei Sensi. E’ più un’azienda e mette i giocatori nelle condizioni di pensare soltanto al campo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News