Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Kums: “Saremmo potuti andare avanti”. Odjidja: “Siamo stati migliori nel doppio confronto”

Le parole dei due calciatori del Gent dopo la sfida contro la Roma

Kums e Odjidja hanno parlato in zona mista al termine di GentRoma. Di seguito le loro dichiarazioni.

Odjidja: “Siamo molto delusi. Ci abbiamo provato fino alla fine. Abbiamo giocato una buona partita su un campo molto difficile. Sapevamo che se avessimo segnato il 2-1 sarebbe stato tutto ancora possibile. Avremmo segnato anche il terzo gol, ne sono sicuro. Purtroppo non è andata così. Neanche l’arbitro ci ha aiutati. Dopo la partita gli sono andato a dire che non aveva diretto la sua migliore gara. E poi mi ha ammonito. Nel doppio confronto siamo stati la squadra migliore ed è un peccato abbandonare così questa competizione. Fa male, ma questa è la legge del calcio”.

Kums: “Siamo stati sfortunati. Abbiamo giocato due ottime partite con la Roma, creando tante occasioni da gol sia qui che all’Olimpico. Siamo stati la squadra migliore, ma loro sono stati più efficienti e questo è molto importante in Europa. I dettagli ci hanno penalizzato. Forse dopo l’1-0 siamo andati alla ricerca del 2-0 troppo in fretta. E poi a ogni nostro piccolo errore è stato un gol loro. Tuttavia possiamo essere orgogliosi del nostro percorso europeo, ma saremmo potuti andare avanti. Veniamo dal secondo turno di qualificazione, abbiamo disputato 14 gare europee in questa stagione perdendone solo 2. È questo che va visto”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News