Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Maresca: “Il mio cuore è a Siviglia, ma questa Roma andrà avanti”

“Monchi? Se ti metti a discutere uno come lui significa che siamo impazziti”

Enzo Maresca, ex giocatore del Siviglia, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, parlando della sfida europea in programma tra la Roma ed il club spagnolo, per gli ottavi di Europa League. Di seguito, alcune delle sue dichiarazioni:

Come vede la partita di giovedì Siviglia-Roma?
Conosco Fonseca dai tempi in cui allenava lo Shakhtar Donetsk, secondo me è uno dei più forti tecnici in circolazione. Fa giocare la squadra, ha un bel ritmo, il suo è un gioco offensivo e propositivo. Con lui la Roma può arrivare in fondo all’Europa League.

Ci dica un punto debole degli andalusi.
L’assenza di Fernando Reges. Lui è l’equilibratore, dà sostanza, è uno che garantisce qualità e quantità a tutto il reparto. Per me è il giocatore più importante di tutta la squadra, imprescindibile per come giocano. Lopetegui perde molto.

Monchi a Roma non ha lasciato un buon ricordo.
Una piazza diversa, ha provato a fare del suo meglio. Era la prima volta che lasciava Siviglia, non era facile ricominciare. Tutti commettiamo errori, ma Monchi in due anni è riuscito a portare la Roma in semifinale di Champions. Se in Italia ci mettiamo a discutere uno come lui vuol dire che siamo impazziti.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa