Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Quota 100. Da Kluivert a Florenzi. È caccia al tesoro per la nuova Roma

Fino al closing di lunedì prossimo non ci saranno novità ufficiali

Almeno per le scelte strategiche, almeno per i ruoli chiavi che devono essere coperti (quello del d.s.) o che devono essere confermati (quello dell’allenatore). Nel frattempo, però, la Roma continua a lavorare e a programmare. E c’è un argomento che a Trigoria tiene spesso banco che è poi quello degli esuberi.

Sono in tutto 12, a cui vanno aggiunti però le due punte di diamante del mercato in uscita: Justin Kluivert e Cengiz Under, gli uomini con cui rimpinguare le casse e sistemare in parte i conti giallorossi. Con loro, quindi, in tutto ben 14 giocatori da piazzare sul mercato e con cui la Roma ha individuato l’obiettivo finale: incassare circa 100 milioni, che per la Roma vorrebbe dire un bel lifting al bilancio attuale e futuro.

Con un occhio particolare, la necessità di fare plusvalenze. In alcuni casi facili (Florenzi, Fazio, Perotti, Antonucci), in altri assai più complicate (Pastore, Schick, Nzonzi, Olsen, Coric e Karsdorp). Ma il mercato in uscita della Roma parte dalle cessione dei due esterni che nell’ultima parte della stagione sono finiti completamente ai margini del progetto tecnico di Paulo Fonseca. Due sembrano cessioni oramai vicine alla conclusione, quelle di Juan Jesus al Cagliari (circa 3 milioni) e quella di Perotti al Fenerbahçe (ma ci sono pure gli arabi dell’Al-Shabab), con la Roma che si accontenterebbe di 2,5 milioni di euro per il cartellino. La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa