Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Edin e Borja insieme perché no?

La Roma ora sa che c’è vita anche in assenza di Edin

Da domenica, meridiano di Crotone, sta bello in vetrina anche Borja Mayoral. Lui, umile e taciturno ragazzo da sempre calciante, dichiara che la sua appartenenza al mondo di oggi e alla città nativa: si fa zitto zitto il suo bravo Covid da copione, uno scherzo per uno che da sempre convive con il diabete, come chiunque di noi potrebbe convivere con un alluce valgo.
Lo voleva il Napoli, ma doveva arrivare a Roma, sponda Lazio. Borja ha preferito la proposta della Roma, un prestito biennale che pesa molto di stima. Le prime esibizioni furono poco più che scoraggianti. “Ha bisogno di tempo“, lo difese l’elegante Fonseca. Sembrava, ai suoi esordi romanisti, più che altro Morimoto. Poi ha cominciato a segnare, niente di strano per uno che lo ha sempre fatto.

Sta di fatto che Borja, partita dopo partita, sta mostrando tutto il suo per niente banale repertorio.Corsa, tecnica, tiro, inserimenti, tempismo. Domenica l’apoteosi, un gol alla Pippo Inzaghi e uno alla Bruno Giordano, tanto per ricordare la sua mancata sponda. Al punto che la domanda martella il microfono di Fonseca: “Perché non insieme i due, Edin e Borja?“.
Fonseca si defila, con l’eleganza di sempre; difficilmente li vedremo insieme. Di sicuro, Borja è una manna per la Roma. La Roma ora sa che c’è vita anche in assenza di Edin. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa