Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La scalata di Dzeko

Il bosniaco pronto a riprendere il proprio posto

Arriva il giorno di Dzeko. Il mercato si è concluso senza scossoni e allora la questione torna esclusivamente un problema. La Roma deve provare a rimettere insieme i cocci di un rapporto compromesso dopo la partita contro lo Spezia di Coppa Italia. Alla ripresa degli allenamenti Dzeko e Fonseca si ritroveranno di fronte. Con la mediazione della proprietà, soprattutto di Tiago Pinto, si dedicheranno alla ricerca del bene comune. Le ultime dichiarazioni dell’allenatore dopo il Verona lasciano intendere che la sua posizione sia solida. Già nelle ultime ore c’è stato qualche contatto e domani, probabilmente, il general manager festeggerà la pace in una conferenza stampa di fine mercato. A chi rimprovera Dzeko una certa fiacchezza negli allenamenti come sintomo di disinteresse, lui ha risposto presentandosi due volte di fila all’Olimpico in qualità di padrone di casa.

Ha dato un segnale al di là dei sorrisi a beneficio di telecamere e fotografi: si sente ancora il cpaitano e continuerà a comportarsi come tale anche se la fascia resterà al braccio di Pellegrini. Domenica, all’ex compagno Kalinic e non solo, ha raccontato che la rottura con la Roma non fosse irreparabile. C’è stata una frizione, ma niente di drammatico. Chi non minimizza, almeno per ora, è Fonseca. A lui interessa che lo spogliatoio lo segua verso l’obiettivo comune: il ritorno in Champions. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa