Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Operazione Dzeko

Il bosniaco ora va recuperato

È il giorno del faccia a faccia più atteso. E della tregua più o meno annunciata, anche perché, a mercato chiuso, non c’è altra soluzione che possa essere trovata per il bene della Roma. Il singolo, Fonseca o Dzeko che sia, passa in secondo piano. La priorità dei Friedkin è l’immagine del club e non l’interesse o quello del miglior giocatore.

Stamattina Edin entrerà a Trigoria ancora da separato in casa. Non c’è alcun appuntamento. Ma la società si augura di vederlo lavorare finalmente in gruppo. Del suo fastidio muscolare non parla più nessuno. L’unico fastidio rimane il rapporto deteriorato tra l’allenatore e il calciatore. La Roma ha fatto sapere ad entrambi di firmare in fretta l’armistizio fino alla fine della stagione.

Il nodo è anche la fascia di capitano. Dzeko non vorrebbe rinunciare ai gradi e Pellegrini non avrebbe alcun problema a restituirglieli. Ma prima c’è altro su cui confrontarsi con Fonseca, anche sul piano tattico. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa