Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Parma-Roma 2-0, giallorossi irriconoscibili. Le pagelle di Mimmo Ferretti

Pomeriggio nero per i giallorossi

PAU LOPEZ  5,5

Il tiro-gol di Mihaila gli passa vicino alle gambe. Lui non sa se andare con la mano o con il piede e così becca gol. Bravo su Man, nella ripresa. 

MANCINI  5,5

Parte centrale di destra, partecipa negativamente alla prima rete del Parma non chiudendo a dovere la diagonale su Mihaila. Poi è il meno peggio, lì dietro. Anche quando passa a sinistra. Ma cosa conta? Mira storta, stavolta, sui colpi di testa.

IBANEZ 5

Il brasiliano, al rientro in campionato dopo il problema muscolare accusato contro l’Udinese (14 febbraio), si piazza al centro della difesa a tre. Nell’azione che porta il Parma in vantaggio resta nella terra di nessuno. Pellè lo batte in elevazione e lui a seguire commette il (discusso) fallo da rigore per la seconda rete del Parma. Mai sicuro.

KUMBULLA  4

La buona prestazione offerta giovedì scorso in Europa League gli garantisce la conferma. Pronti e via, però, Man se lo beve in velocità, mandando in gol Mihaila. Male. Man nella ripresa lo brucia ancora in velocità, Pau Lopez deve metterci una pezza. Malissimo.

BRUNO PERES  4

Karsdorp va in panca, il brasiliano va in campo al suo posto. Fa tante cose, quasi tutte male. E la rete di Mihaila chiama in causa negativamente anche lui. Grottesco quando, sull’uno a zero, ha sul destro il comodo pallone del pareggio ma tira addosso ai compagni.

VILLAR 5

Gonzalito palleggia in mezzo al campo, ma non con i tempi giusti anche per colpa dei compagni che sono ben marcati o poco si smarcano. Ma lui non ha i ritmi soliti.

PELLEGRINI  5

Il capitano stavolta si sistema a centrocampo: ha l’occasione per portare in vantaggio la Roma ma – contrastato in maniera pesante – calcia fuori. Tutto ok per lo scarso Piccinini. Motivo? Ci prova su punizione, Sepe si esibisce per i fotografi. Leggero, stavolta. 

SPINAZZOLA  5,5

Il più attivo, che non vuol dire il più bravo. Sicuramente il meno peggio. Quando attacca, nella ripresa crea sistematicamente pericoli al Parma. Però non punge mai a dovere.

PEDRO  5

Come anticipato da Fonseca, lo spagnolo va in campo dal primo minuto. Dà spesso la scossa alla squadra, ma non trova adeguata collaborazione. E si eclissa in fretta.

EL SHAARAWY  5

Seconda di fila dal primo minuto in campionato e, come accaduto contro il Genoa, in compagnia di Pedro alle spalle della punta centrale. Sta sulla sinistra, si vede poco e quando prova lo spunto o il tiro non mette mai paura alla difesa del Parma. Oppure non è fortunato. Evanescente.

DZEKO 4,5

Edin torna titolare in campionato (non accadeva dal derby, 15 gennaio). Troppo statico, lì davanti. Marcarlo per i centrali del Parma è un gioco da ragazzi. Macchinoso, pesante e mai realmente pericoloso.

CARLES PEREZ SV

Per Pedro dopo la seconda rete del Parma. Se non altro, impegna severamente Sepe.

CRISTANTE  SV

Al posto di Kumbulla, ma va al centro della manovra. Entra tardi. Mostra personalità e idee di gioco.

REYNOLDS SV

Esordio italiano al posto di Bruno Peres. Fa vedere qualcosa in fase offensiva.

BORJA MAYORAL  SV

Per Pellegrini, per l’inutile assalto finale.

DIAWARA  SV

Per Villar a 10 dalla fine.

FONSECA 4,5

La Roma riesce a beccare due gol (a zero) contro la penultima in classifica con il peggior attacco e la seconda peggior difesa del campionato. Il resto sono chiacchiere inutili, tranne quelle su Piccinini.

 

21 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

21 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti