Resta in contatto

Mimmo Ferretti

Le certezze europee, i dubbi italiani

La doppia anima della Roma tra Europa League e Serie A

Doppia vittoria contro lo Shakhtar Donetsk, come era accaduto contro lo Sporting Braga, e Roma ancora avanti in Europa League. Tagliato il traguardo dei quarti di finale. Complimenti. La squadra giallorossa in Europa ha giocato 10 partite: 8 vittorie e un pareggio, oltre alla sconfitta ininfluente (e con i Primavera) in casa del Cska Sofia. Tanta roba, verrebbe da dire.

Possiamo affermare, allora, che la Roma è una squadra su misura per l’Europa? A giudicare dalla comparazione dei risultati di coppa e campionato, non dovrebbero esserci dubbi. Se mai, è il caso di capire come mai i giallorossi dominano a loro piacere in campo continentale mentre in territorio nazionale faticano a battere una “grande”.
Colpa degli avversari? Mah. Colpa del diverso tipo di calcio che si gioca in Italia o in Europa? Boh.
Colpa della discontinuità del gruppo di Paulo Fonseca? Forse un pò di tutte e tre. Sta di fatto, che la Roma dall’inizio della stagione alterna cose molto buone ad altre meno scintillanti sul piano del gioco e della personalità. Questa è una cosa certa, non un’ipotesi. E su questo si dovrà lavorare in futuro, con o senza Fonseca sulla panchina romanista.

In attesa di tornare in campo per l’Europa, all’orizzonte c’è l’appuntamento delicatissimo di campionato contro il Napoli, che domenica sera arriverà all’Olimpico fresco e riposato dopo aver saltato l’impegno di recupero contro la Juventus.
I Grandi Numeri dicono che è arrivato il momento di una vittoria contro una big della Serie A. I numeri, si sa, non ammettono smentite; ma i grandi numeri? Chissà…

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Mimmo Ferretti