Resta in contatto

Rassegna Stampa

Spagna, Qatar, Usa: Pedro è in attesa

Ora lo spagnolo è un esubero a Trigoria

Il grande assente dei primi giorni di ritiro della nuova Roma di José Mourinho è senz’altro Pedro Rodriguez. Il club giallorosso giovedì scorso ha infatti confermato la volontà di lasciar andare via l’attaccante spagnolo non convocandolo per il raduno della nuova stagione. Pedro non si è visto a Trigoria, tra una decina di giorni sarà convocato per cominciare lavorare insieme agli altri indesiderati, sempre che non abbia già trovato una squadra con cui accasarsi. Sono tanti i motivi legati alla scelta della Roma di privarsi dell’ex Chelsea.

Prima di tutto la decisione di Mourinho: il tecnico aveva allenato Pedro agli inizi della stagione 2015-16, prima della rescissione consensuale col Chelsea. Quattro mesi insieme nei quali è sì sbocciato l’amore (ha sempre giocato titolare), ma non sufficiente da permettere sei anni dopo una conferma dello spagnolo nella nuova avventura dello Special One.

L’altro motivo dell’addio è l’alto ingaggio del giocatore: i 28 luglio compirà 34 anni e nel progetto di sostenibilità studiato da Pinto e i Friedkin i suoi 4,2 milioni lordi a stagione (grazie al decreto crescita) pesano troppo sulle casse giallorosse. Il suo agente è al lavoro, ma al momento di offerte concrete non ne sono arrivate. Ha ricevuto alcuni sondaggi dalla Spagna: Valencia, Betis Siviglia e Real Sociedad hanno chiesto informazioni ma al momento non si sono spinte oltre. Non è poi tramontata la pista che porta in Qatar e quella che porta negli Stati Uniti. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa