Resta in contatto

Approfondimenti

Florenzi e la Roma: cessione sullo sfondo, ma ha dato la sua disponibilità a Mourinho

Florenzi

Il futuro del terzino giallorosso è ancora incerto

Non è rimasto affatto impassibile davanti al tweet della Roma, che in data 4 maggio 2021 (alle ore 15.09) annunciava José Mourinho come nuovo allenatore giallorosso. Alessandro Florenzi era ancora immerso nell’avventura parigina con il PSG, a poche ore dalla sfida con il Rennes. Ma quella notizia aveva riacceso la fiamma.
Dopo un rapporto conflittuale con Fonseca e la paura di perdere il treno per Euro2020, Florenzi aveva deciso di salutare Roma per continuare a sentirsi importante, vitale come pedina all’interno di una squadra.
Ora, con il PSG alle spalle e con un futuro ancora tutto da scrivere, Florenzi è pronto a ripartire dopo il trionfo europeo.

CONTATTO MOU – La cessione rimane sullo sfondo e, a rigor di logica, lo scenario più probabile: la Roma vorrebbe alleggerire il suo monte ingaggi e la possibile partenza di Florenzi regalerebbe alla Roma un’invitante plusvalenza.
Ma il piano B (e che piano B) per il calciatore di Vitinia si chiama Roma. L’ex capitano giallorosso ha avuto un contatto telefonico con Mourinho, al quale ha dato massima disponibilità: lo Special One ha incassato in maniera positiva la posizione del terzino e lo attende in Portogallo.
Senza clamorosi stravolgimenti, Florenzi il 1 agosto si sottoporrà a tampone e il giorno seguente partirà alla volta dell’Algarve, insieme a Cristante. Sarà l’alba di un nuovo inizio? Impossibile averne la certezza con il mercato aperto, ma Florenzi è pronto a riprendersi il suo posto nella Roma.

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti