Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham corre solo, ma la Roma è lì

Abraham

L’inglese pronto per il suo debutto in giallorosso

La Roma di Mourinho si prepara per l’esordio in campionato contro la Fiorentina, in un Olimpico che torna a riempirsi. Domani sono previste alcune novità rispetto alla scorsa stagione. In porta ci sarà Rui Patricio, a sinistra scopriremo Viña, subito titolare  anche in Turchia e al centro dell’attacco sarà confermato Shomurodov, in quel ruolo che sarà di Abraham. Ieri l’inglese si è allenato a Trigoria sullo stesso campo dove hanno lavorato i compagni, con un assistente di Mourinho. Ma nel rispetto della quarantena light imposta dalla Asl ha dovuto allenarsi da solo. L’inglese può essere convocato e ha dato il via libera per giocare. Non giocherà dall’inizio, ma probabile che Mourinho lo convochi. Mentre quasi sicuramente sarà titolare nella seconda sfida contro la Salernitana.

Tornato in gruppo Gonzalo Villar, che può essere un’alternativa a centrocampo. Abraham è stato acquistato per fare il titolare, la Roma ha investito molto su di lui, è il giocatore più costo del mercato giallorosso di tutti i tempi. Domani tocca a Shomurodov, che nelle gerarchia ha scavalcato Borja Mayoral. Lo spagnolo era riserva con Dzeko e lo sarà con Abraham e Shomurodov. L’inglese a 23 anni ha già vinto tanto a livello europeo con il Chelsea. Intanto tocca all’uzbeko che ha conquistato da subito la fiducia di Mourinho, si è fatto trovare pronto e ha sempre segnato quando è stato utilizzato. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa