Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lotito resta a…terra: addio all’aereo personalizzato della Lazio

Sponsor Lazio

Claudio Lotito, dopo soltanto un anno dalla presentazione del progetto, deve dire addio al suo aereo personalizzato

Dopo un solo anno dalla sua presentazione in pompa magna, la Lazio di Claudio Lotito deve dire addio al suo aereo personalizzato. Infatti, come riportato dal portale “Laziopress.it”, non sono andate a buon fine le trattative per il rinnovo del contratto con la compagnia aerea bulgara, la TayaranJet, che aveva appunto fornito un velivolo della sua flotta (un Boeing 737-300 Classic) per le trasferte della squadra biancoceleste.

Un nulla di fatto che porterà nelle prossime ore la livrea personalizzata con i colori sociali della Lazio ad esser rimossa dal velivolo: era stata realizzata dalla IAC, un’azienda che ha sede in Irlanda, per ben 150.000 euro. L’aereo, fermo nell’hangar da giorni, non accompagnerà più il gruppo laziale in giro per l’Italia e l’Europa. E pensare che il presidente Lotito si era mosso in prima persona per questo particolare accordo, che aveva reso la Lazio il primo club in Serie A a poter contare su un aereo brandizzato e completamente ad uso della Prima Squadra.

Un viaggio durato poco meno di 12 mesi, accompagnato da diverse turbolenze (dai racconti dei giocatori all’aspetto poco rassicurante del velivolo, delineato da alcune foto girate sul web) e qualche bel ricordo.

Lo scrive repubblica.it.

125 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

125 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News