Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma stop, Abraham è furioso: “Un’ammonizione vergognosa”

La rabbia dell’inglese sfogata sui social

Passo falso della Roma, che perde 1-0 a Bologna e scivola a meno 6 punti dal quarto posto dell’Atalanta. I giallorossi tornano a casa con le ossa rotte sia dal punto di vista del risultato, sia per le tante assenze in vista del match di sabato contro l’Inter (mancheranno Abraham e Karsdorp per squalifica ed El Shaarawy per infortunio): dopo tre vittorie consecutive tra campionato e Conference League, quella di Bologna è la settima sconfitta stagionale, la sesta in Serie A.

Mourinho a fine partita è furioso con l’arbitro Pairetto per la gestione della partita e non accetta domande né davanti alle telecamere di Dazn, né in conferenza stampa. Il suo è praticamente un monologo, con i giornalisti presenti che sono costretti a raccogliere le sue parole senza avere la possibilità di replicare: a far arrabbiare il tecnico non sono solo i gialli ai diffidati, ma anche il trattamento riservato dai calciatori del Bologna a Zaniolo e l’atteggiamento dell’arbitro nei confronti del romanista.

Il suo è uno sfogo durissimo, l’ennesimo dall’inizio della stagione nei confronti della classe arbitrale. “Lo dico contro i miei interessi – le parole dell’allenatore giallorosso – se io fossi in Zaniolo comincerei a pensare che è difficile giocare in serie A, e non ci rimarrei per troppo tempo. Mi sento male per lui per quello che deve subire, gli consiglio di andare a giocare all’estero perché per lui qui in Italia sta diventando impossibile”.

Sulle ammonizioni comminate da Pairetto ai diffidati Abraham e Karsdorp, è altrettanto duro. Il tecnico portoghese è un fiume in piena. “Sabato dovrò inventarmi la formazione: meno male che ad un certo punto della partita ho cambiato Mancini, perché magari anche lui sarebbe stato ammonito e non avrebbe giocato contro l’Inter“.

Lo Special One racconta di un confronto con l’arbitro torinese che c’è stato dopo il fischio finale. “Sulle ammonizioni non ho più niente da dire, dopo la partita ho parlato con Pairetto e tutto quello che dovevo dire su questo argomento l’ho detto a lui”. L’attenzione, ancora una volta, è sulle decisioni arbitrali: alla sconfitta di Bologna, la sesta della Roma in campionato, il portoghese riserva poche parole.

“Voglio fare i complimenti al Bologna, a Mihajlovic e ai giocatori che hanno lottato per portare a casa i tre punti. Voglio però fare i complimenti anche ai miei che hanno dato tutto, contro tutto e contro tutti: c’è stato il Covid, ci sono stati infortuni prima e durante la partita, e anche infortuni nascosti perché alcuni dei miei uomini hanno giocato con qualche problema. Nonostante qualche episodio, hanno lottato sempre e sono orgoglioso di loro perché anche se è arrivata una sconfitta non ho una sensazione negativa: sono sempre orgoglioso dei miei ragazzi, sono sempre con loro e ora pensiamo alla prossima gara”.

Scatenato anche Abraham, che sui social ha scritto: “Un’ammonizione vergognosa“. La Roma sarà di nuovo in campo oggi alle 12 in vista dell‘Inter. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa