Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Kumbulla vuole restare alla Roma anche se il mercato chiama forte

L’albanese vuole giocarsi le sue carte nella nuova Roma con la difesa a 3

Kumbulla sta sta scalando di settimana in settimana le gerarchie di Mourinho e il passaggio alla difesa a tre l’ha sicuramente agevolato, considerate anche la fragilità di Smalling e le tante gare ravvicinate con appena 4 centrali a disposizione.

Da Venezia-Roma, prima gara col nuovo modulo, Kumbulla ne ha disputate 4 su 8 da titolare in campionato, prima era sceso solamente una manciata di minuti (nel recupero) a Cagliari. Il 6-1 col Bodo l’ha pagato sulla propria pelle, finendo tra gli epurati. E da li è risalito, con quella caparbietà che trovò in Juric, un primo grande estimatore ai tempi del Verona. Una delle partite simbolo della stagione, non a caso, è proprio il successo contro il Torino guidato dal suo ex allenatore. “Quando la partita finisce con il portiere Milinkovic-Savic che sale in area e Kumbulla che entra per marcarlo – spiegò lo Special One – vuol dire che ho un grande gruppo e ragazzi pronti a sacrificarsi“.

Ma le strade del mercato sono parecchio districate: il richiamo del Napoli si fa sentire, ma anche Torino, Fiorentina e Cagliari bussano alla porta. Lui ha manifestato la volontà di restare, una presa di posizione che rassicura Mourinho e soprattutto Pinto che lo ha descritto come un modello positivo: “Dopo la disfatta di Bodo tutti i calciatori hanno avuto l’opportunità di giocare. Kumbulla è un esempio. Tutti insieme abbiamo fatto un disastro prima, ma poi abbiamo avuto la capacità di riprenderci“. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa