Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo andrà ancora in panchina. A Solbakken penserà Zalewski

Parola d’ordine: normalità. Mourinho assicura di non aver pensato a “cambi drammatici” per organizzare la rimonta e quindi dovrebbe affidarsi alla formula-derby

Parola d’ordine: normalità. Mourinho assicura di non aver pensato a “cambi drammatici” per organizzare la rimonta e quindi dovrebbe affidarsi alla formula-derby: 3-4-2-1 con la formazione più collaudata degli ultimi tempi. Per evitare di alzare il livello di tensione della squadra, ha mantenuto l’abitudine di mandare i giocatori a dormire a casa: niente ritiro a Trigoria.

Dopo la rifinitura ha dato appuntamento a tutti per stamattina, non prima di aver lavorato con attenzione sui calci piazzati e i rigori. I cinque rigoristi disegnati, se non dovessero bastare i minuti regolamentari per decidere la semifinale, sono Pellegrini, Abraham, Sergio Oliveira, Mkhitaryan e Veretout, che probabilmente entrerà a partita in corso. 

Le sostituzioni possono modificare il quintetto: anche Shomurodov, Zaniolo, Carles Perez e Mancini possono diventare candidati al tiro. Il ginocchio del difensore ha dato risposte rassicuranti nelle ultime sedute, dopo la grande paura in Norvegia e il riposo precauzionale contro la Salernitana è pronto per giocare dall’inizio.

Per la prima volta in tutta la stagione la Roma avrà l’intera rosa a disposizione, questo significa che alcuni giocatori non potranno andare neanche in panchina. Spinazzola convocato, rimangono fuori dalla lista Diawara, Darboe e uno tra il terzo portiere, Boer, e Vina, poco sereno dopo gli errori di Bodo. Un occhio anche ai diffidati: rischiano Cristante e Ibanez.

Zaniolo, salvo sorprese, rimarrà fuori. Ma sarà una grande opzione come cambio, quando Mourinho riterrà di doverlo impegnare. I rapporti tra i due non sono ai massimi storici ma neppure gelidi. Zaniolo non è entusiasta della retrocessione in panchina, ma è certo di poter modificare gli equilibri attuali. Una grande serata contro il Bodo può servire per il presente e il futuro.

Il Corriere dello Spot 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa