Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dopo 12 anni è ancora Mourinho a poterci dare una Coppa

Dodici anni dopo, siamo ancora aggrappati a José Mourinho. Nel 2010, il tecnico vinse la Champions League con l’Inter…

Dodici anni dopo, siamo ancora aggrappati a José Mourinho. Nel 2010, il tecnico vinse la Champions League con l’Inter, ultimo atto del triplete e ultimo trionfo di una squadra italiana in Europa. Da quel momento ci siamo dovuti accontentare delle due finali di Champions della Juve di Allegri, di quella di Europa League dell’Inter di Conte e di qualche semifinale sparsa. E in semifinale, adesso, c’è la Roma di Mourinho.

Un’obiezione facile: la Conference League è appena nata, si può considerare cugina di secondo grado dell’Europa League e nemmeno lontana parente della Champions. Però è un trofeo. E la Roma, pur con qualche inciampo, ha capito che andava onorato e possibilmente vinto, il merito è di Mourinho. Le competizioni “minori” sono fondamentali nel processo di crescita di qualunque squadra.

Il Villareal avrebbe avuto la stessa convinzione in Champions senza il trionfo dello scorso anno in Europa League? In Italia c’è un clamoroso cortocircuito che porta molte squadre a fare di tutto per qualificarsi per un piazzamento europeo, salvo poi snobbare nella stagione seguente quell’impegno a favore di un altro piazzamento in campionato. Un controsenso. Vincere aiuta a vincere: in Italia ci siamo dimenticati questo concetto. Mourinho è tornato anche per ricordarcelo. Ecco perché adesso tifiamo tutti per lui e la sua Roma.

La Gazzetta dello Sport 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa