Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Dobbiamo giocare come sappiamo fare. Importante il supporto dei nostri tifosi” (VIDEO)

Le parole del tecnico pre Roma-Empoli, semifinale di ritorno di Coppa Italia

Domani ci sarà la semifinale di Coppa Italia per la Roma Femminile che dovrà scontrarsi contro l’Empoli. Alla vigilia del match, ai microfoni ufficiali, ha parlato il tecnico Alessandro Spugna. Di seguito le sue dichiarazioni.

Sulla partita di domani:

“È una partita da giocare, da vivere. Abbiamo un piccolo vantaggio (l’andata è terminata 0-1 per la Roma, ndr), ma non dobbiamo fare questo calcolo. Dobbiamo giocare la partita come sappiamo, cercare di prendere il comando fin da subito. Gestirla nei migliori dei modi, capire il momento della gara e chiuderla il prima possibile”.

La finale e la Coppa è un vero obiettivo per la squadra:

“Assolutamente sì, adesso siamo a un passo. Però adesso dobbiamo ancora giocare questi 90 minuti. Non saranno 90 minuti facili, arriva una squadra che sta bene, in salute ed è motivata. La scorsa settimana ha raggiunto la salvezza e non ha nulla da perdere. Conoscendo il loro allenatore e alcune giocatrici, so che verranno a giocarsi la partita liberamente”.

Quanto conta giocare il ritorno in casa?

“Conta tantissimo, spero ci sia tanta gente, ma sicuramente sarà così perché è un periodo che ci stanno sostenenedo tanto i tifosi. Sicuramente ci sarà tanto pubblico, il campo è in condizioni perfette. Spero sarà una bella giornata di sport e che sia una giornata che ci porti alla finale di Coppa Italia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile