Resta in contatto

Rassegna Stampa

Olimpico esaurito. E ora si punta ai trentamila abbonati

Uno stadio d’altri tempi in questa stagione: e ora la campagna abbonamenti si prospetta da record

Una data ufficiale per l’apertura della nuova campagna abbonamenti ancora non c’è ma la sensazione, a Trigoria e fuori, è che il trend di quest’anno possa rappresentare uno spartiacque. Dopo periodi e stagioni di divisione, e anche di scollamento, tra i tifosi la società, la Roma è tornata ad essere un blocco unico: per questo, soprattutto se dovesse arrivare la finale di Tirana o addirittura un trofeo dopo 14 anni, l’impressione è che si potrebbe tornare ai tempi d’oro.

Trentamila abbonati? Difficile, non certo impossibile. Sono discorsi prematuri, forse, ma è evidente come il tutto esaurito di oggi con il Bologna, il tutto esaurito di giovedì contro il Leicester e il quasi, per ora, tutto esaurito contro il Venezia, siano segnali chiarissimi della direzione che si è intrapresa.

Non solo: per l’eventuale finale di Conference c’è una richiesta di biglietti già ora infinita e non si sa come lo stadio albanese riuscirà a contenere solo i 21mila spettatori, non tutti romanisti ovviamente. Il merito di questo entusiasmo ha varie motivazioni: l’arrivo di Mourinho, i prezzi competitivi voluti dalla società, le tante iniziative volte a tutelare tifosi abbonati e famiglie, l’ambiente creato dal club con, ad esempio, la scelta di mettere l’inno di Conidi prima e quello di Venditti poi, con le squadre in campo, e anche la voglia della gente, dopo due anni di pandemia, di partecipare di nuovo alle partite. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa