Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Spinazzola è pronto al rientro, ma il posto è occupato

Dopo oltre un anno Spina torna sui campi di Serie A: può essere la serata giusta per riassaggiare il terreno dell’Olimpico

Da Fonseca a Mourinho, dal Cagliari al Bologna, dalla Unipol Domus all’Olimpico: oggi, 371 giorni dopo l’ultima presenza in Serie A, Leonardo Spinazzola tornerà a disputare una gara del nostro campionato con la maglia della Roma. Un ritorno atteso dall’esterno giallorosso, pronto a riassaporare il clima partita in uno stadio stracolmo, con oltre 62mila spettatori sugli spalti per sostenere la Roma. Non da titolare, sia chiaro, visto che il minutaggio non glielo consentirebbe, ma un ingresso in campo nel finale di gara è un’ipotesi molto concreta, sulla quale Mourinho sta riflettendo. Non solo in ottica Bologna, ma soprattutto per riaverlo in questo importante finale di stagione.

Le incertezze manifestate dal titubante Calafiori e dal generoso Vina sono ormai un ricordo: la Roma lì ha scoperto non solo un potenziale rincalzo di Spinazzola, ma un vero e proprio titolare. Perché Nicola Zalewski si è preso la Roma, con intelligenza ma soprattutto a suon di giocate decisive, come gli assist per Zaniolo con il Bodo/Glimt e per Pellegrini a Leicester in Conference. E ora i tifosi cominciano a interrogarsi sugli scenari futuri. I due daranno spazio ad una stimolante alternanza o il giovane polacco cambierà ruolo? Può spostarsi sull’altra fascia, contendendo il posto a Karsdorp o avanzare sulla trequarti, nell’assistere al meglio Abraham. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa