Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Italiano: “Un orgoglio stare a tre punti dalla Roma che giocherà una finale europea”

Le parole del tecnico della Fiorentina: “I giallorossi sono forti in tutti i reparti e bisognerà lavorare di più”

Vincenzo Italiano ha parlato in conferenza stampa a due giorni da Fiorentina-Roma. Di seguito le dichiarazioni dell’allenatore dei viola.

Fiorentina-Roma?
“Abbiamo avuto tempo per lavorare e abbiamo preparato bene, dobbiamo reagire e ripartire visto che siamo reduci da un periodo negativo come punti e risultati che stavolta dobbiamo raccogliere”

Cosa ha visto all’Olimpico giovedì?
“In tv è un conto e dal vivo hai una percezione diversa, la Roma è una squadra forte ed essere sotto di tre punti da lei che si giocherà una finale europea per noi è un orgoglio. È forte in tutti i reparti e bisognerà lavorare di più. Cercheremo di dare filo da torcere. In casa ci siamo spesso riusciti”.

Odriozola?
“È reduce da un affaticamento si sta allenando ma non so se riusciremo ad averlo”.

Come affrontare la Roma?
“Bisogna avere la massima concentrazione in entrambi le fasi perché mancano solo tre partite e noi siamo ancora lì. Ci vuole massima concentrazione in tutto ciò che si andrà a proporre perché loro arriveranno con grande entusiasmo. Ma noi giochiamo in casa e il Franchi sarà come l’Olimpico per loro giovedì. Noi abbiamo bisogno del sostegno dei tifosi perché all’Olimpico giovedì ho visto anche la spinta dei loro tifosi. E noi dobbiamo cercare di spingere al massimo, tutti uniti, cercando l’ultimo sforzo per ottenere ciò che meritiamo. Cercheremo di esaudire il desiderio nostro e dei tifosi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario