Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Feyenoord: “Nessuna possibilità di ricorso all’Uefa per la vendita libera dei biglietti”

Il comunicato del club olandese: “I tifosi dell’AS Roma, a differenza di quelli nostri, sono riusciti ad acquistare i biglietti in massa”

Attraverso un comunicato, il Feyenoord fa chiarezza dopo la denuncia di ieri di mancati avvisi dall’Uefa sulla vendita di biglietti per la finale di Conference League. Di seguito il testo della nota.

“La UEFA si è messa in contatto col Feyenoord questa mattina – si legge – . Nel colloquio, la federazione europea si è scusata per il fatto che ieri sul sito web dell’UEFA l’orario di inizio della vendita degli 8.500 biglietti disponibili c’era scritto fosse alle 14, mentre sarebbe dovuto essere alle 12. Di conseguenza, ieri i tifosi olandesi non hanno potuto prender parte alla vendita, successivamente il Feyenoord si è subito rivolto all’UEFA per lamentarsi di quanto accaduto e chiedere di rifare da capo la procedura di vendita. Quest’ultimo, tuttavia, non è un problema dell’associazione europea e il Feyenoord non ravvede alcuna possibilità di poterlo far valere dopo essersi confrontato con esperti sull’argomento.  Durante l’incontro con il Feyenoord, l’UEFA ha fatto sapere che non informare i club coinvolti sulla data e l’ora di inizio della vendita degli 8.500 biglietti in questo caso è una procedura permanente e consapevole, perché questa fase di vendita è principalmente rivolta al paese ospitante e ai suoi abitanti. Secondo la UEFA, è quanto successo, perché alla fine l’89% dei biglietti è andato ad acquirenti albanesi e l’11% ad acquirenti da un totale di altri 20 paesi, viene fatto sapere al Feyenoord. Ciò significherebbe quindi che i tifosi dell’AS Roma, a differenza di quelli del Feyenoord, sono riusciti ad acquistare i biglietti in massa”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario