Resta in contatto

Rassegna Stampa

“Ricordati di dimenticare Tirana”. Il destino della Roma si compie stasera

A Torino gara decisiva per conquistare matematicamente il sesto posto

Il grande bluff di José Mourinho è durato poco più di 24 ore, dalle parole in conferenza stampa a Trigoria allo scalo romano di Fiumicino. A bordo dell’aereo che ha condotto la Roma a Torino hanno trovato posto anche Zaniolo, Karsdorp e Smalling. L’allarme in vista di Tirana è decisamente rientrato. Unico assente della trasferta piemontese è Mkhitaryan, ma l’armeno non ha ancora perso del tutto le speranze di essere tra i protagonisti del match dell’Air Albania Stadium.

Ma non parlate di finale o di Conference League a Mourinho: la mentalità dello Special One porta a pensare solo alla sfida di questa sera contro il Torino. I giallorossi scenderanno in campo padroni del proprio destino: una vittoria con i granata di Ivan Juric porterebbbe la Roma a qualificarsi per la prossima edizione dell’Europa League, senza dover aspettare i risultati delle altre. I giallorossi possono ancora arrivare quinti, davanti alla Lazio, grazie alla differenza reti negli scontri diretti, ma anche finire ottavi, ovvero fuori dall’Europa.

Calcoli che lo Special one non vuole fare: il portoghese vuole vincere la partita e chiudere il capitolo relativo al campionato. Non ammette distrazioni, vuole massima concentrazione. Il pensiero della finale di Tirana non può condizionare le scelte di formazione di questa sera. Davanti a Rui Patricio agiranno Mancini, Ibanez e Kumbulla. Sulle fasce Maitland-Niles e Spinazzola sono pronti a partire dal primo minuto, con Veretout e Sergio Oliveira a comporre mediana. El Shaarawy e capitan Pellegrini agiranno sulla trequarti, ballottaggio aperto tra Abraham e Shomurodov. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa