Resta in contatto

Rassegna Stampa

Con tutto il cuore a Tirana: Mkhitaryan parte e Mourinho decide

Mkhitaryan sarà convocato per la finale di Tirana

Da oggi fino a mercoledì i tifosi giallorossi hanno un solo pensiero: ce la farà Mkhitaryan per la finale di Conference League? L’armeno è rimasto a Roma per curarsi mentre i suoi compagni erano impegnati nella sfida con il Torino. Lui è ottimista, ma ovviamente non è ancora al 100%. In attesa del via libera dei medici, il calciatore sta proseguendo con gli allenamenti differenziati e con molte sedute in piscina per recuperare e potenziare il flessore lesionato durante l’andata della partita con il Leicester.

A Tirana si giocherà dopo un mese dall’infortunio ed i tempi sono al limite. Mourinho lo convocherà e poi starà a lui deciderne l’utilizzo. Al momento l’intenzione è farlo giocare, anche se non potrà essere in campo per tutti i 90 minuti.

La sua importanza è fondamentale e lo si è visto nelle ultime 5 partite senza di lui, dove i suoi compagni hanno vinto solo ieri ed al ritorno con il Leicester, pareggiando contro Venezia e Bologna e perdendo in casa della Fiorentina. Con lui in campo la squadra gira meglio e, data l’assenza di un regista, Mkhitaryan si è saputo adattare alla perfezione.

La Roma partirà per Tirana martedì, solamente dopo aver svolto la rifinitura a Trigoria. Ci saranno moltissimi tifosi al seguito, così come quelli che saranno presenti allo Stadio Olimpico per seguire la sfida sui maxischermi.

Lo riporta il “Corriere dello Sport”.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa