Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mou chiama Dybala: “Vieni alla Roma”

La corte del tecnico può essere decisiva

Lo spettro di Dybala aleggia anche in Algarve. “Mister portaci Dybala” è l’invito di un giovane tifoso giallorosso a Mourinho prima dell’inizio del match contro il Portimonense. Non sarebbe la prima e nonostante le smentite di rito, sembra stavolta che un contatto tra i due ci sia stato, ieri mattina. Che qualcosa stia cambiando nella percezione Roma-Dybala lo si evince anche dalle richieste di conferma off the record rivolte al club. Quello che dieci giorni fa veniva definito “impossibile”, ora inizia a essere tema di discussione giornaliero. Sempre con un po’ di scetticismo ma è comunque un primo passo.

Paulo per Mourinho rappresenta l’occasione, la possibilità irripetibile di fare il salto di qualità, prendendo un top-player senza pagare il cartellino, come accaduto invece lo scorso anno per Abraham. E in cuor suo, dopo aver parlato in questi giorni con i segretario Lombardo, si è convinto che lo stipendio di 6 milioni, che adesso sembra diventata la nuova road map da (in)seguire per arrivare a Paulo, può esser raggiunto con ingaggi stile Abraham o Pellegrini (base 4,5 più bonus). Il problema è che per ora l’argentino tentenna e aspetta l’Inter, l’unico club che grazie ai bonus era riuscito a toccare quota 7 (benché legati alle presenze) e che può garantirgli la Champions. Lo ha ribadito ieri a Mou, assicurando però di tenere in considerazione la Roma qualora la possibilità nerazzurra venga meno. Non potrà aspettare i nerazzurri in eterno e il countdown all’inizio della stagione vale per tutti, per la Roma che deve completare la rosa, ma anche per lui. Lo scrive Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa