Resta in contatto

Prima Squadra

Spinazzola: “Siamo migliorati. Ce la possiamo giocare tranquillamente con le grandi squadre”

Il difensore della Roma: “Con la qualità che abbiamo dobbiamo fare molto meglio. Nel primo tempo potevamo stare 3-0 facile facile”

Spinazzola ha parlato a DAZN dopo Salernitana-Roma (0-1). Di seguito le sue parole.

Dovete gestire meglio il pallone? La differenza oggi è stata netta…
“Si concordo. Dobbiamo tenere di più la palla. Nel primo tempo in fase di pressione andavamo parecchio a vuoto e ci facevano girare tanto. Correvamo male. Dopo quando hai la palla c’è più stanchezza, poi era la prima. Con la qualità che abbiamo dobbiamo fare molto meglio. Nel primo tempo potevamo stare 3-0 facile facile”.

Come stai?
“Bene e sono felice”.

Ti ho visto bene nel secondo tempo…
“Si, è vero. Avevo anche molti più spazi perchè loro attaccavano. Nel primo non c’erano tutti quegli spazi, loro erano molto chiusi. Però nel secondo tempo mi sono sentito bene e fino alla fine le gambe andavano”.

Cambio posizione Dybala Zaniolo per lasciarti spazio?
“Non lo so. Secondo me per una questione di uscita. Nick a destra stava più a proprio agio. Però si possono scambiare tranquillamente”.

Che aria senti attorno a te?
“Quando vinci un trofeo e arrivano questi giocatori con esperienza e qualità ti alzano il livello. Sta a noi confermarci, crescere, fare meglio dell’anno scorso in campionato”.

L’aria dentro lo spogliatoio? Fino a dove vi spingete?
“Il traguardo è ancora prestissimo. Ci guardiamo intorno e sappiamo che siamo migliorati molto. Questo migliorare la squadra è normale che ti senti più forte e ti senti che contro tutte te le giochi tranquillamente”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra