Resta in contatto

Rassegna Stampa

Una Roma Premier: metà squadra sa già come si fa

La Roma di Mou è all’inglese

Con Fonseca era una Roma soprattutto spagnola, con il marchio iberico ben impresso a fuoco per la presenza dei vari Pedro, Pau Lopez, Villar, Mayoral e Perez. Tutti lentamente evaporati, tutti ufficialmente finiti altrove. La Roma di Mourinho è invece una squadra da Premier, con una scia smaccatamente british, formatasi e cresciuta nel campionato più bello del mondo.

Lì sono nati alcuni suoi giocatori come Smalling e Abraham, ma lì si sono affermati anche altri del livello di Wijnaldum, Matic e Rui Patricio. Anche in questo caso cinque giocatori, come gli spagnoli di Fonseca appunto, ma con una qualità e un’esperienza neanche lontanamente paragonabili tra i due gruppi. Il tutto, appunto, sotto la sapiente mano dello stesso Mou, che nella Premier ha lasciato un segno con ben 551 partite e undici titoli complessivi.

C’è un perché che giustifica la scelta di Mourinho ed è legato al fatto che la Premier è il campionato più allenante, più formativo, ma anche quello dove giocano i calciatori tendenzialmente più forti in assoluto. È una questione di potenzialità economiche e di organizzazione, ma anche di attrazione fatale, quella che suscitava ad esempio la Serie A alla fine degli anni Novanta, all’epoca delle famose “sette sorelle”.
Gente che ha un cumulo di esperienza e di titoli vinti talmente alta che permette appunto alla Roma di aumentare il cabotaggio delle sue aspirazioni. Insomma, di alzare l’asticella. Che poi è quello che va cercando l’allenatore della Roma.

Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa