Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

DAZN, il Codacons rilancia: chiesto un mese gratis

Dazn

Ancora nell’occhio del ciclone il disservizio della scorsa settimana

Il Codacons torna a intervenire sulla vicenda DAZN. Nella giornata di ieri la piattaforma di sport in streaming ha annunciato che procederà ai rimborsi per i disservizi legati al primo weekend di campionato. Ai clienti colpiti dai disagi sarà riconosciuto un indennizzo pari al 50% del canone mensile, già superiore al 25% inizialmente previsto. Tuttavia, per l’Associazione non basta la soluzione trovata da DAZN, e già caldeggiata dalla sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali, alla luce dei disagi vissuti dagli utenti. «Un “contentino” che si rivela davvero insufficiente, anche solo tenendo a mente che i disservizi vanno avanti dallo scorso anno, e che i telespettatori pagano abbonamenti ormai salatissimi per un servizio che non ha mai smesso di creare problemi», si legge in una nota.

Il Codacons chiede quindi un rimborso pari almeno a un intero canone mensile (29,99 euro o 39,99 euro), in modo automatico e senza bisogno di avanzare richieste o spedire moduli di sorta, direttamente in fattura. «Inoltre, chiede che la platea sia individuata non solo dall’emittente stessa, ma anche permettendo ai singoli consumatori – ove non compresi nella lista di DAZN – di segnalare i disservizi subiti e accedere così al risarcimento, secondo regole chiare, rapide ed efficaci», prosegue il comunicato. «L’accordo sui rimborsi di DAZN non basta: stavolta serve un rimborso vero, pari almeno all’intera mensilità di servizio, oltre ovviamente alla garanzia che simili problemi non torneranno a presentarsi in futuro. Monitoreremo il servizio dell’emittente e, se dovessero esserci ancora problemi alla seconda giornata, siamo pronti ad avviare nuove iniziative di tutela in favore dei tifosi e degli spettatori», ha dichiarato il Codacons. Scrive Calcio e Finanza.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa