Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mou incorona Pellegrini ma si dispera per Wijnaldum

Lo Special One fa i complimenti per il suo capitano, ma si dispera per l’infortunio di Gini Wijnaldum

Che tra i due ci fosse un evidente feeling è stato chiaro fin dalla passata stagione, ma oggi tra José Mourinho e Lorenzo Pellegrini è ufficialmente sbocciato l’amore. Dopo gli sguardi nella sera della presentazione, quella passeggiata fianco a fianco fino al centro del campo, e dopo le scelte dello Special One che aveva già consegnato al suo capitano le chiavi della squadra, ieri il tecnico portoghese ha messo definitivamente la corona sulla testa del numero 7. “Lorenzo giocherà ovunque: può farlo nel ruolo di Dybala e Zaniolo ma anche davanti alla difesa, e la cosa importante è che non sono io a forzarlo perché lui è a suo agio a giocare in tutte le posizioni, è un plus molto importante per noi“.

Oggi all’Olimpico contro la Cremonese (ore 18.30) dovrebbe toccare a Matic fare coppia con Pellegrini in mezzo al campo, con Cristante inizialmente in panchina. Sugli esterni doppio ballottaggio: da una parte tra Karsdorp (favorito) e Celik, dall’altra tra Spinazzola (anche lui in vantaggio) e Zalewski. Con Pellegrini abbassato sulla mediana, dietro ad Abraham ci saranno Dybala e Zaniolo.

Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa