Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il piano di Zaniolo: tre settimane per tornare, in panchina a Empoli

Il piano di recupero dall’infortunio per Nicolò Zaniolo

Nicolò Zaniolo ha imparato a proprie spese – pagando un conto salatissimo – che la vita è un percorso a ostacoli e che la sfortuna sa giocare brutti scherzi. Vale la pena prendersela? Nient’affatto.

Gli esami effettuati lunedì sera hanno evidenziato un trauma diretto della spalla sinistra con lussazione. Niente di rotto, quindi, anche se la caduta dopo l’entrata di Lochoshvili ha tenuto col fiato sospeso i 61mila dell’Olimpico: l’hanno visto crollare, come fece quando si ruppe i due crociati, lui che di solito resiste agli urti facendosi spazio con le braccia larghe, la testa alta e il petto in fuori.

Tre settimane in confronto alla paura di perderlo un’altra volta sono niente, voleranno assieme a ciò che resta dell’ennesima estate chiacchierata a causa del mercato. Nicolò già ha fissato una personale tabella di marcia: tornare a disposizione l’11 settembre a Empoli. Questo il suo obiettivo, con la prospettiva di essere al top per Roma-Atalanta del 18 settembre. In mezzo a queste due sfide c’è anche la seconda giornata di Europa League. Ecco il piano: convocazione per la trasferta toscana, minuti in coppa e titolarità nel big match con i bergamaschi.

Lo scrive il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa