Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, ti ricordi come si fa?

L’ultimo gol in A all’Olimpico di Zaniolo proprio contro il Napoli

Undicesima giornata all’epoca, stagione 2019-2020, undicesima la prossima, tre anni dopo. C’era il Napoli all’Olimpico, ci sarà il Napoli pure in questa occasione. Sono cambiati gli allenatori, da Fonseca-Ancelotti, siamo passati a Mourinho-Spalletti.

Nicolò Zaniolo in quel periodo era più o meno quello che rappresenta ora Khvicha Kvaratskhelia per il Napoli: un talento in piena esplosione. Nicolò veniva da due reti consecutive (realizzate contro Milan e Udinese) e la terza l’ha messa a segno proprio contro la squadra di Carletto.

Domenica saranno 1086 giorni da quel pomeriggio di felicità e di grandi sensazioni. Zaniolo in questi tre anni si è trasformato. Due operazioni al ginocchio, il fisico sofferente, la mente che stenta a reggere le pressioni ed è piena di voglia di rivincita.

Lui cresce e matura (significativo il gesto nei confronti del giovane Under 17 dello Spezia, Jacopo Foce, infortunatosi gravemente al ginocchio: Nicolò lo ha aiutato, facendolo operare nella “sua” clinica, dal professor Fink in Austria) ma il tempo si accorcia, così come il suo contratto con la Roma, che ha bisogno di essere rinnovato: Nico chiede soldi da top player, la Roma lo valuta uno sproposito e per ora la firma non arriva. Zaniolo ha bisogno di decidere un big match e riesplodere come a Tirana, quando sì, in terra straniera, è stato determinante. Lo scrive “Il Messaggero”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa